La Leggenda vuole che Diomede abbia gettato qui tre giganteschi massi, provenienti da Troia, riemersi sotto forma di isole (San Domino, San Nicola, Capraia), tracciando cosí i confini del suo nuovo regno.

Alla Morte dell’eroe greco, i suoi compagni furono trasformati dalla dea Afrodite, per compassione, in uccelli (le diomedee), in modo che potessero piangere l’eroe; infatti la caratteristica di questi volatili é il lamento simile ad un pianto di bambino, sopratutto nelle ore notturne.
Un’esperienza alquanto terrificante!

 

Punta di zio Cesare

San Domino é la piú turistica di tutte e tre, essendo anche la piú attrezzata.
Le spiaggie che sono due in tutta San Domino e le Calette, lungo tutta l’isola, mostrano la straordinaria limpidezza delle acque, simili per colori a quella delle Baleari.
Ma nelle Tremiti oltre agli incredibili paesaggi, alleggia ancora un forte odore di natura, di pini selvatici, e di terre incolte, a sottolineare la connotazione brulla dei luoghi.

San Nicola

Spiaggia di san Nicola